Percorso








INVALIDITA' E RESIDENZA








LA TESSERA SANITARIA

La Tessera Sanitaria (TS) è un documento strettamente personale che consente ai cittadini di fruire dei servizi sanitari all’interno dei Paesi della Comunità Europea, serve come strumento per l’Amministrazione Pubblica per per monitorare la spesa sanitaria in Italia.

La Tessera Sanitaria deve essere pertanto esibita ogni qualvolta che il cittadino si reca presso strutture ospedaliere, ambulatoriali o riconosciute dal Sistema Sanitario Nazionale per effettuare esami, analisi e visite mediche con specifica impegnativa, ricetta medica, la stessa tessera sanitaria va inoltre mostrata in farmacia per acquistare farmaci dietro prescrizione nonché per fruire di cure termali messe a disposizione dall’INPS.

Cos’è, a cosa serve e come funziona la Tassera Sanitaria?

La Tessera Sanitaria è un documento personale e obbligatorio che permetti di fruire dei servizi sanitari sia in Italia che nei paesi dell’Unione Europea, o in sostituzione il modello cartaceo E111.

All’estero: Quando i cittadini della Comunità Europea si recano in altri Stati convenzionati è sufficiente esibire la tessera, per ricevere gratuitamente assistenza medica e cure urgenti negli ospedali e nelle cliniche riconosciute sul territorio. In tal caso, le spese mediche sostenute da quella struttura verranno rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale Italiano con le modalità specifiche previste dalla regione di residenza dell’assistito.

In Italia: La Tessera Sanitaria deve essere obbligatoriamente esibita ogni volta che il cittadino si presenta con la relativa ricetta medica o impegnativa redatta dal medico di base che avrà provveduto ad inserire il codice fiscale dell’assistito ed eventuali esenzioni del ticket sanitario, presso le farmacie del territorio per acquistare farmaci. Il farmacista, pertanto, emette uno "scontrino fiscale parlante", che certifica l’acquisto di farmaci da parte del cittadino e che verrà utilizzato a dimostrazione delle spese mediche sostenute e quindi valide per le detrazione Irpef della dichiarazione dei redditi mediante Modello Unico 2012 o modello 730 2012.

Importante: La Tessera Sanitaria Non sostituisce il libretto sanitario, che continua ad essere obbligatorio ai fini della prescrizione medica, cambio medico ecc.

  Quali dati contiene la Tessera Sanitaria 2012?

La Tessera Sanitaria contiene:

  • dati anagrafici e Codice Fiscale del cittadino - assistito
  • Luogo di nascita: indicazione del Comune di nascita mentre per i cittadini stranieri è indicato lo Stato estero di nascita
  • Data di scadenza: che generalmente è di 6 anni, per gli assistiti in via definitiva, o periodi inferiori per casi particolari come per gli stranieri con permesso di soggiorno limitato per motivi di studio o lavoro assistenza
  • area libera: per eventuali annotazioni di tipo sanitario regionale e più tre caratteri "braille" per i non vedenti, ed è utilizzabile per l’apposizione di adesivi o simboli regionali
  • Microchip, ove, previsto
  • Codice Fiscale: in formato "codice a barre" (barcode) e banda magnetica 

 Tessera Sanitaria e il Libretto Sanitario:

La Tessera Sanitaria Non sostituisce ancora il libretto sanitario, che deve pertanto essere conservato dal cittadino ed esibito quando richiesto dalle strutture sanitarie per visite, esami, ricoveri o cambio medico.
Solo alcune regioni, come ad esempio la Lombardia, hanno provveduto già ad emettere Carte Nazionali dei Servizi (CNS) con specifiche disposizioni che stabiliscono la sostituzione del libretto cartaceo con la Tessera Sanitaria. 

Tessera Sanitaria e il Tesserino di Codice Fiscale:

La Tessera Sanitaria sostituisce il tesserino di codice fiscale e, alla scadenza, resta comunque valida come certificazione del codice fiscale. La Tessera Sanitaria, anche se scaduta, può essere presentata alla farmacia per l’acquisizione del codice fiscale ed il rilascio del così detto "scontrino parlante".  

Da Chi e a chi viene rilasciata la tessera sanitaria?

La Tessera Sanitaria viene rilasciata a:

  • Tutti i cittadini titolari di Codice Fiscale aventi diritto all’assistenza sanitaria da parte del Servizio Sanitario Nazionale
  • se il perido di assistenza sanitaria è inferiore a 30 giorni, la ASL, Azienda Sanitaria Locale di competenza territoriale rilascia un certificato cartaceo sostitutivo della Tessera Sanitaria
  • Tutti i nuovi nati ai quali è stato attribuito il codice fiscale: per i nuovi nati la Tessera sanitaria viene inviata automaticamente èd ha una validità di 1 anno, alla sua scadenza, previo invio dei dati di assistenza, da parte della ASL al Sistema Tessera Sanitaria, viene inviata una nuova Tessera.

Importante: La Tessera Sanitaria è generata automaticamente dal momento che la ASL comunica i dati di assistenza al Sistema TS, la sua spedizione viene effettuata presso l’indirizzo di residenza risultante nella banca dati dell’Anagrafe Tributaria, al momento della spedizione.  

Cosa bisogna fare se non si è Mai ricevuta la Tessera Sanitaria?

La Tessera Sanitaria, generalmente, viene inviata automaticamente al cittadino dal momento che la ASL comunica i dati di assistenza al Sistema TS, la sua spedizione viene effettuata presso l’indirizzo di residenza risultante nella banca dati dell’Anagrafe Tributaria, al momento della spedizione, ma può capitare che per vari motivi la Tessera Sanitaria non sia stata mai ricevuta dall’interessato, è necessario, pertanto, verificare le seguenti condizioni:

  • se il codice fiscale è stato correttamente attribuito dall’Agenzia delle Entrate al cittadino: 

1) se non è corretto: rivolgersi agli uffici dell’Agenzia delle Entrate, e richiederne l’attribuzione del codice fiscale, esibendo un documento d’identità valido

2) se risulta corretto: rivolgersi alla propria ASL, affinché venga regolarizzata in via definitiva la posizione attraverso la comunicazione dei dati diassistenza al Sistema TS e consentire così l’emissione della Tessera Sanitaria.

3) I cittadini, muniti del certificato di codice fiscale: devono recarsi presso la ASL di residenza per richiedere l’emissione della Tessera Sanitaria

  • se il cittadino è iscritto alla ASL
  • se la ASL ha inviato telematicamente i dati di assistenza al Sistema TS

Il cittadino per verificare lo stato di emissione della propria Tessera Sanitaria senza recarsi presso gli uffici competenti, può controllare per via telematica collegandosi al sito ufficiale: Portale Progetto Tessera Sanitaria nella sezione "Per vedere lo stato della mia Tessera Sanitaria". Per effettuare tale verifica è necessario disporre del proprio codice fiscale.  

Cosa fare in caso di furto, smarrimento o deterioramento della Tessera Sanitaria? Come chiedere un Duplicato Online o tramite numero verde:

In caso di furto, smarrimento o deterioramento della propria Tessera sanitaria, il cittadino, può richiederne il duplicato. Tale richiesta, può essere effettuata anche da parte della persona delegata munita di proprio documento d’identità e copia del documento d’identità del richiedente, entrambi in corso di validità.

I cittadini residenti all’estero, inoltre, possono richiedere il duplicato della tessera Sanitaria rivolgendosi direttamente al Consolato italiano nel Paese di residenza. La Tessera verrà recapitata, a scelta, presso il domicilio in Italia o presso la stessa rappresentanza diplomatica all’estero.

Pertanto, se la Tessera risulta smarrita, deteriorata o illegibile è possibile richiedere il Duplicato presso:

  • gli Uffici dell’Agenzia delle Entrate
  • la propria ASL
  • online su sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate
  • Telefonicamente: mediante il servizio automatico informativo numero telefonico 848.800.444 o il call center numero 800.030.070, attivo dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle ore 20

Nella richiesta va indicato il codice fiscale della persona che richiede il duplicato della Tessera sanitaria o in alternativa, i propri dati anagrafici. Il duplicato viene successivamente inviato presso il domicilio del cittadino che ne ha fatto richiesta.

Importante: Nei casi di furto o smarrimento secondo quanto previsto dall’attuale normativa non vi è obbligo di denuncia alle autorità da parte del cittadino ma è da considerare come atto cautelativo per l’assistito. 

Come fare se la Tessera Sanitaria è scaduta?

La Tessera Sanitaria, generalmente, ha una validità di 6 anni per gli assistiti ASL in via definitiva, per i cittadini stranieri, invece, con permessi di soggiorno in scadenza o limitati nel tempo per motivi di studio, lavoro o assistenza, la validità della Tessera Sanitaria è limitata al periodo di permanenza in Italia.

Se la Tessera Sanitaria è prossima alla scadenza o è scaduta, questa verrà inviata in automatico e in busta chiusa dall’Agenzia delle Entrate presso il proprio domicilio.

Se la Tessera Sanitaria è scaduta ma non è ancora stata ricevuta la nuova è possibile verificare lo Stato di emissione su Portale Progetto Tessera Sanitaria nella sezione "Per vedere lo stato della mia Tessera Sanitaria". Per effettuare tale verifica è necessario disporre del proprio codice fiscale. 

Cosa fare se ci sono errori nei dati indicati sulla Tessera sanitaria o in caso di Cambio Residenza?

  • Se nella Tessera Sanitaria ci sono errori anagrafici: il cittadino si deve rivolgere all’Agenzia delle Entrate per chiederne la correzione
  • Per effettuare variazioni o aggiornamenti dell’indirizzo di domicilio e/o residenza:  il cittadino si deve rivolgere all’Agenzia delle Entrate per chiederne la correzione
  • Per effettuare richiesta di duplicato:  il cittadino si deve rivolgere all’Agenzia delle Entrate per chiederne la correzione.  

Come si richiede la Tessera sanitaria per bambini e neonati?

Per tutti i nuovi nati, l’Agenzia delle Entarte o il Comune di nascita provvede ad attribure al nascituro il codice fiscale che viene trasmesso alla Asl di competenza territoriale, una volta acquisiti i dati di assistenza viene inviata automaticamente una tessera sanitaria con validità di un anno, successivamente alla alla sua scadenza ne verrà inviata un’altra con validità di 6 anni. 

La Tessera Sanitaria e cittadini stranieri ed extracomunitari:

I cittadini esteri ed extracomunitari che vivono in Italia, in presenza di specifiche condizioni, possono iscriversi al SSN, Sistema Sanitario Nazionale e ricevere assitenza sanitaria come previsto dalla Legge italiana e comunitaria. Tale iscrizione, può essere effettuata dietro presentazione di uno specifico “certificato” che può essere:

  • di matrimonio
  • di un contratto di lavoro
  • di un “attestato” di titoli di studio, che in questo caso non può essere autocertificato 

Chi sono i cittadini stranieri ed extracomunitari che possono iscriversi al SSN e avere diritto alla Tessera Sanitaria?

Gli stranieri e i cittadini extracomunitari che hanno diritto ad essere iscritti al SSN, previa presentazione all’Agenzia delle Entrate del modello F24 per il pagamento del contributo d’iscrizione volontaria al SSN, sono i seguenti:

  • cittadini comunitari che godono delle immunità e dei privilegi previsti dalla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche e consolari
  • cittadini  senza i requisiti per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale
  • studenti e personale alla pari
  • dipendenti di Organizzazioni internazionali aventi sede in Italia
  • cittadini comunitari che svolgono un’attività lavorativa in Italia

Importante 1: Il contributo per l’iscrizione volontaria di stranieri ed extracomunitari è valido per l’anno solare, non è frazionabile e non ha decorrenza retroattiva. L’iscrizione si estende anche ai familiari a carico tranne che per gli studenti e le persone alla pari.

Importante 2: Per gli stranieri la tessera sanitaria ha la stessa durata del permesso di soggiorno. 

I cittadini stranieri a chi si devono rivolgere per l’iscrizione volontaria al SSN e richiedere la Tessera Sanitaria?

Gli stranieri e i cittadini extracomunitari che vogliono procedere all’iscrizione volontaria al Servizio Sanitario Nazionale che da diritto sia alla scelta del medico di famiglia e/o del pediatra in caso di minori, che al rilascio della Tessera Sanitario, possono farlo attraverso gli uffici dell’Asl di residenza del cittadino che ne fa richiesta, presentando i seguenti documenti:

  • documento di riconoscimento valido
  • permesso di soggiorno
  • autocertificazione di residenza
  • ricevuta di pagamento del contributo d’iscrizione 

Importante: L’assistenza sanitaria viene estesa anche ai familiari a carico della persona che ha effettuato l’iscrizione se regolarmente soggiornanti.